Monteco presenta 'Wake Up', il progetto di eco-design per il riciclo e riutilizzo dei rifiuti

 Monteco presenta 'Wake Up', il progetto di eco-design per il riciclo e riutilizzo dei rifiuti
26 Feb

Monteco presenta 'Wake Up', il progetto di eco-design per il riciclo e riutilizzo dei rifiuti

L'iniziativa possibile grazie al supporto di Monteco e del Consiglio degli Studenti dell'Università del Salento. Verranno forniti materiali di scarto riutilizzati per dare vita a nuovi oggetti

Lecce. “Monteco ha sposato da tempo i progetti di eco-design proprio perché fanno parte delle politiche etico-ambientali della nostra azienda, ovvero la riduzione e il riuso dei rifiuti. Abbiamo fornito materiali di scarto ai ragazzi che poi loro, nel corso dei laboratori, utilizzeranno per la creazione di nuovo oggetti.

Con queste parole, Sonia Dello Preite di Monteco srl, la società che si occupa della raccolta differenziata nella città di Lecce, ha presentato l’iniziativa dal titolo “Wake Up!” che consisterà nel dare vita a una serie di cicli virtuosi, andando a riutilizzare i rifiuti.
Un progetto, questo, che  si svolge in collaborazione con Art Ing, BioFaber, Qube, Knos e le associazioni Linfa e Freccia e che si è potuto realizzare grazie, ripetiamo, al pieno supporto di Monteco e a un finanziamento da parte del Consiglio degli Studenti dell’Università del Salento.
“Siamo contenti di continuare a fare rete – prosegue Sonia Dello Preite - con coloro che sono gli attori principali della città di Lecce, estendendo sempre di più le nostre collaborazioni per raggiungere obiettivi comuni come la vivibilità, il rispetto della nostra cultura, del nostro ambiente e della nostra terra.
In questa iniziativa è stato sposato il concetto di riuso dei rifiuti e, al contempo, lavoreremo con i laboratori creativi sia con i ragazzi che con studenti universitari che oltre alla fantasia hanno messo a disposizione la tecnica, riuscendo a ottenere traguardi interessanti.
Quando ci rendiamo conto dell’esistenza e della volontà di realizzare tali progetti siamo sempre pronti a collaborare appieno per la loro riuscita”.
Numerosi materiali come plastica, legno, bottiglie di vetro, infissi ed altro ancora, da semplici scarti saranno portati a nuova vita, grazie anche al supporto della ricerca universitaria che darà un importante contributo.

 

Fonte: leccenews24